Salta al menu principale di navigazione Salta al contenuto principale Salta al piè di pagina del sito

Studi e ricerche

N. 303 (2023): Italia Contemporanea - Sezione Open Access "In rete"

Il Partito Comunista Italiano in Somalia tra retaggi coloniali e funzione pedagogica di massa

  • Giulio Fugazzotto
DOI
https://doi.org/10.3280/ic303-oa1
Inviata
26 October 2023
Pubblicato
19-12-2023

Abstract

Questo articolo tenta di analizzare alcuni quesiti storiografici concernenti il rapporto tra comunismo italiano e colonialismo, sollevati dalla presenza di una sezione del Partito Comunista Italiano (Pci) sorta a Mogadiscio nel 1942. Innanzitutto, si contestualizza la nascita di questa sezione nella Somalia occupata dalle forze britanniche, focalizzandosi sui rapporti con l’amministrazione militare e con la comunità italiana. Ci si sofferma poi sull’attività dei comunisti di Mogadiscio e sui rapporti con il Pci, rispetto a cui la sezione sembrerebbe essere sorta in sostanziale autonomia. Se ciò conferma una notevole circolazione di idee e pratiche del movimento comunista al di là dei network della Terza internazionale, allo stesso tempo risulta un elemento atipico nel contesto politico di questi anni. L’articolo identifica poi il reclutamento di militanti attuato nei campi di prigionia inglesi da parte della sezione come una peculiare declinazione del “partito nuovo” togliattiano. Infine, ci si sofferma sull’atteggiamento paternalista e colonialista alla base dell’esclusione dei somali dall’orizzonte politico della sezione.

Riferimenti bibliografici

  1. Aga Rossi Elena (1996), Il futuro delle colonie Italiane nella politica inglese e americana durante la Seconda guerra mondiale, in Fonti e problemi della politica coloniale italiana, vol. 2, Roma, Ministero per i Beni culturali e ambientali e Ufficio centrale per i beni archivistici, pp. 771-792.
  2. Andreucci Franco (2005), Falce e Martello. Identità e linguaggi dei comunisti italiani fra stalinismo e guerra fredda, Bologna, Bononia University Press.
  3. Betti Daniela (1989), Il partito editore. Libri e lettori nella politica culturale del Pci 1945-1953, “Italia Contemporanea”, n. 2, pp. 53-74.
  4. Bidussa David (1994), Il mito del bravo italiano, Milano, Il Saggiatore.
  5. Boarelli Mauro (2007), La fabbrica del passato. Autobiografie di militanti comunisti (1945-1956), Milano, Feltrinelli.
  6. Borruso Paolo (2009), Il PCI e l’Africa indipendente: apogeo e crisi di un’utopia socialista (1956-1989), Firenze, Le Monnier.
  7. Bullotta Antonia (1949), La Somalia sotto due bandiere, Milano, Garzanti.
  8. Calchi Novati Giampaolo (1980), Gli incidenti di Mogadiscio del gennaio 1948: rapporti italo-inglesi e nazionalismo somalo, “Africa: Rivista trimestrale di studi e documentazione dell’Istituto italiano per l’Africa e l’Oriente”, n. 3/4, pp. 327-356.
  9. Calchi Novati Giampaolo (1994), Una rilettura degli incidenti di Mogadiscio del gennaio 1948 e il difficile rapporto fra somali e italiani, “Studi Piacentini”, n. 1, pp. 223-234.
  10. Candreva Luigi (2015), Comunisti e colonialismo italiano. Dalla guerra d'Etiopia all'indipendenza della Libia (1935-1951), Tesi di dottorato in Storia contemporanea, Università degli studi di Roma “Tor Vergata”.
  11. Capuzzo Paolo, Anne Garland Mahler (a cura di) (2022), The Comintern and the Global South: Global Designs/Local Encounters, London-New York, Routledge.
  12. Conti Flavio (1986), I prigionieri di guerra italiani 1940-1945, Bologna, il Mulino.
  13. De Angelis Alessandro (2002), I comunisti e il partito. Dal “partito nuovo” alla svolta dell’89, Roma, Carocci.
  14. Del Boca Angelo (2014), Gli italiani in Africa Orientale. La caduta dell’impero, Milano, Mondadori.
  15. Del Boca Angelo (2005), Italiani brava gente?, Vicenza, Neri Pozza.
  16. Ertola Emanuele (2017), In terra d'Africa. Gli italiani che colonizzarono l'impero, Roma-Bari, Laterza.
  17. Focardi Filippo (2013), Il cattivo tedesco e il bravo italiano. La rimozione delle colpe della seconda guerra mondiale, Roma-Bari, Laterza.
  18. Giuliani Gaia, Lombardi-Diop Cristina (2013), Bianco e Nero. Storia dell’identità razziale degli italiani, Firenze, Le Monnier.
  19. Kraiem Mustapha (1997), Le Parti Communiste Tunisien pendant le période coloniale, Tunis, Institut Supérieur d’Histoire du Mouvement National.
  20. Lussana Fiamma (2005), A scuola di comunismo. Emigrati italiani nelle scuole del Comintern, “Studi Storici”, n. 4, pp. 967-1031.
  21. Martinelli Renzo (1990), Il Partito nuovo e la preparazione del V Congresso. Appunti sulla rifondazione del Pci, “Studi Storici”, n. 1, pp. 27-51.
  22. Morone Antonio M. (a cura di) (2018), La fine del colonialismo italiano. Politica, società, memorie, Firenze, Le Monnier.
  23. Morone Antonio M. (2011), L’ultima colonia. Come l’Italia è tornata in Africa 1950-1960, Roma-Bari, Laterza.
  24. Pedaliu Effie (2003), Italy, Britain and the Origins of the Cold War, London, Palgrave Macmillan.
  25. Pons Silvio (2021), I comunisti italiani e gli altri. Visioni e legami internazionali nel mondo del Novecento, Torino, Einaudi.
  26. Pons Silvio (a cura di) (2021), Il comunismo italiano nella storia del Novecento, Roma, Viella.
  27. Pons Silvio (2012), La rivoluzione globale. Storia del comunismo internazionale 1917-1991, Torino, Einaudi.
  28. Pons Silvio, Smith Stephen A. (a cura di) (2017), The Cambridge history of Communism, vol. 1 – World Revolution and Socialism in One Country 1917-1941, Cambridge, Cambridge University Press.
  29. Pontieri Enrico (2022), Piccole sovversioni quotidiane. Microstoria di una periferia bolognese nel regime fascista, Roma, Viella.
  30. Rossi Gianluigi (1980), L’Africa italiana verso l’indipendenza (1941-1949), Milano, Giuffrè.
  31. Sassoon Donald (2014), Togliatti e il partito di massa. Il PCI dal 1944 al 1964, Roma, Castelvecchi.
  32. Sbacchi Alberto (1980), Il Colonialismo italiano in Etiopia, 1936-1940, Milano, Mursia.
  33. Sherwood Marika (1996), The Comintern, The CPGB, Colonies and Black Britons, 1920-1938, “Science & Society”, n. 2, pp. 137-163.
  34. Siracusano Gabriele (2023), “Pronto per la Rivoluzione!”. I comunisti italiani e francesi in Africa centro-occidentale (1958-1968), Roma, Carocci.
  35. Smith Stephen A. (a cura di) (2014), The Oxford Handbook of the History of Communism, Oxford, Oxford University Press.
  36. Soi Isabella (2008), I deportati italiani nella British East Africa, in Carcangiu Bianca Maria, Negash Tekeste (a cura di), L’Africa orientale italiana nel dibattito storico contemporaneo, Roma, Carocci, pp. 87-100.
  37. Spriano Paolo (1975), Storia del Partito Comunista Italiano, vol. 5 – La resistenza, Togliatti e il partito nuovo, Torino, Einaudi.
  38. Studer Brigitte (2015), The Transnational World of the Cominternians, London, Palgrave Macmillan UK.
  39. Togliatti Palmiro (2014), La politica nel pensiero e nell’azione. Scritti e discorsi 1917-1964, a cura di Michele Ciliberto e Giuseppe Vacca, Milano, Bompiani.
  40. Tonelli Anna (2017), A scuola di politica. Il modello comunista di Frattocchie (1944-1993), Roma-Bari, Laterza.
  41. Urbano Annalisa (2016), Between occupation and liberation: Italian Somalia under British rule, 1941–1945, in Jackson Ashley, Khan Yasmin, Singh Gajendra (a cura di), An Imperial World at War. The British Empire, 1939, London-New York, Routledge, pp. 30-45.
  42. Urbano Annalisa (2016), “That is why we have troubles”: The pro-Italia’s challenge to nationalism in British-occupied Somalia, “The Journal of African History”, n. 3.
  43. Varsori Antonio, Urbano Annalisa (2019), Mogadiscio 1948. Un eccidio di italiani tra decolonizzazione e guerra fredda, Bologna, il Mulino.

Metriche

Caricamento metriche ...