Salta al menu principale di navigazione Salta al contenuto principale Salta al piè di pagina del sito

Articoli

N. 2 (2021): Renzo Canestrari e lo sviluppo della psicologia italiana

Psicologia e criminologia: devianza giovanile e trasformazioni sociali

DOI
https://doi.org/10.3280/rip2021oa12608
Inviata
22 September 2021
Pubblicato
05-10-2021

Abstract

L’articolo affronta prevalentemente le tematiche della devianza giovanile, magistralmente sviluppate da Renzo Canestrari, sia in una prospettiva di ricerca scientifica che in una prospettiva più propriamente operativa. Seguendo il percorso del prof. Canestrari, rilevabile dalla sua cospicua produzione scientifica, si mette in evidenza l’importanza delle tecniche osservative per la criminologia e le loro implicazioni teoriche affinché il loro impiego sia riconosciuto come sempre maggiormente valido e scientificamente sorvegliato. L’autore si sofferma poi ad analizzare il pensiero di Renzo Canestrari, evidenziando come la dimensione personale e quella sociale siano, nell’opera del Maestro, gli elementi imprescindibili per interpretare e prevenire la devianza giovanile in un’ottica di educazione integrale.

Riferimenti bibliografici

  1. Canestrari, R.: 6305, 7001, 7505, 8408.
  2. Ferrarotti, F. (1981). Storia e storie di vita. Bari: Laterza.
  3. Lewin, K. (1972). Teoria e sperimentazione in psicologia sociale. Bologna: il Mulino.
  4. Remotti, F. (1996). Contro l’identità. Bari: Laterza.
  5. Resnik, S. (2003). Spazio mentale. Sette lezioni alla Sorbona. Torino: Bollati Boringhieri.
  6. Türcke, C. (2012). La società eccitata. Filosofia della sensazione. Torino: Bollati Boringhieri.
  7. Vassalli, G. (1970). Criminologia e giustizia penale. In F. Ferracuti (a cura di), Appunti di criminologia (pp.7-22). Roma: Bulzoni

Metriche

Caricamento metriche ...